Skip to content

B-Grup: L’innovazione è la chiave per affrontare la crisi

Saper reinventarsi è fondamentale per far fronte alla crisi sia le aziende dell’ospitalità che quelle della distribuzione, secondo B-Grup, uno dei più importanti gruppi di distribuzione per l’industria dell’ospitalità in Spagna.

Marc domenech, Capo del Dipartimento Marketing di Gruppo B, ha parlato con Baarty.com e ci offre la sua visione del settore e le prospettive della sua azienda per continuare a mantenere un eccellente servizio clienti.

– Quali sono i valori della tua azienda?

Sottolineerei soprattutto l’originalità (essere innovativi in ​​molte cose) e l’onestà (avere una chiara vocazione commerciale con un orientamento al cliente. Mai essere falso).

– Qual è la forza/vantaggio competitivo di B-Grup rispetto ad altre società di distribuzione?

Verticalità: Siamo un’azienda con un organigramma professionalizzato sia a livello centrale che in ogni business unit; Ma la verticalità prevale su ogni cosa: ogni membro di ogni business unit può avere un filo diretto con qualsiasi comando gestionale.

Sottolineo che la maggior parte dei dirigenti del B-Grup, siano essi Centrali o stabilimenti; provengono dalla “cava” (promozioni interne).

Il team di gestione è limitato; qualsiasi decisione importante o meno; strategico o meno; può essere spostato in modo bidirezionale in modo molto rapido, efficace ed efficiente. Le grandi decisioni vengono prese con pochissime persone.

– Come ha affrontato B-Grup la crisi economica in Spagna?

Sede centrale di B-grup a Vilanova del Camí, Barcellona

Una crisi così pronunciata e prolungata colpisce gravemente l’intera filiera dei consumi, e tutte le aziende che la compongono. Non siamo l’eccezione.

Va notato che siamo stati in grado di mantenere la fatturazione ampliando le aree di distribuzione, nuovi contratti, nuovi fornitori e una gamma più ampia di prodotti nella fornitura. L’ospitalità tradizionale è destinata a reinventarsi o a scomparire, e questo ci dà degli indicatori su dove dovremmo andare.

La migrazione dei consumi su altri canali è un altro fattore da tenere in considerazione; sia per il cambio di abitudine che per la perdita di volumi.

Se storicamente ci siamo caratterizzati in qualcosa è che abbiamo sempre mantenuto una struttura di costi moderata anche in tempi di boom economico. Questo ci ha permesso negli anni presenti di continuare ad essere presenti sul mercato.

Nonostante ciò, credo che dobbiamo richiedere ulteriori sforzi a tutti i nostri collaboratori. La multifunzionalità del team umano che compone la nostra organizzazione ci sta aiutando molto e questo dovrebbe consentirci di reinventarci affinché con meno risorse continuiamo a fornire un servizio eccellente ai nostri clienti.

– Qual è il tuo fatturato annuo?

In fatturato commerciale siamo intorno ai 100 milioni di euro. Lì non includiamo tutti i servizi che svolgiamo per conto dei produttori, né la vendita interna dei nostri impianti agli impianti.

– Quanti dipendenti lavorano nella tua azienda?

La nostra attuale forza lavoro totale è attualmente composta da 404 persone; con un team tecnico a livello di sede, ben preparato nelle diverse aree funzionali e con un profilo di collaboratori con un approccio molto commerciale in tutte le nostre sedi.

Tuttavia, non è abbastanza; e cerchiamo di avere manager in un processo di miglioramento continuo: seminari, corsi post-laurea, corsi…

– Qual è l’ambito della vostra azienda?

Origini: Un’unica distribuzione a Calaf (una popolazione di 3.000 abitanti nell’interno della Catalogna) con autovendita, un totale di 5 persone che hanno servito un portafoglio molto primario a base di ghiaccio, birra e carbonati.

Novità: 22 stabilimenti di distribuzione in Spagna (3 aree: Catalogna, Levante e Andalusia); ognuna con la propria rete commerciale (abbiamo più di 110 spot) interconnessa con le ultime tecnologie; e fornendo un servizio quotidiano completo nel canale Horeca con quasi 5.000 referenze, in 3 temperature.

Siamo un gruppo di distribuzione a vocazione statale e una grande capacità di servizio atomizzato; che sia dal punto di vista commerciale, logistico o strategico siamo preparati per essere partner-fornitori di chiunque. Non abbiamo limiti né aree geografiche né marchi.

– Quali sono le prospettive di crescita della tua azienda?

Magazzino semirobotico B-Grup

Sono molto buoni. Entrambi per poter crescere orizzontalmente (nuove zone di distribuzione o incorporazione di avviamenti esistenti); e verticalmente (fornire più categorie di prodotti al portafoglio esistente).

– Oltre all’ospitalità, quali settori servi?

Al di fuori del canale horeca abbiamo una presenza importante in tutto il cibo autonomo e nelle comunità (ristorazione, residence, scuole, ospedali, cliniche, case di cura…).

– Con quali marchi lavori?

Lavoriamo con una vasta gamma di marchi di alto livello nei 4 assi di marketing di base. Sarebbe impossibile metterne in evidenza alcuni al di sopra di altri e, allo stesso tempo, ingiusto. Allo stesso modo, i nostri marchi stanno guadagnando sempre più importanza (abbiamo il nostro marchio nel cibo e in alcune cantine DO).

– Qual è il prodotto più richiesto nel settore dell’ospitalità?

Dipende molto dal segmento dell’ospitalità a cui si fa riferimento: per la bareca, birra e caffè sono i due prodotti stellari; ma per il restauro, l’intera parte alimentare e la cantina sono molto più importanti.

In ogni caso, abbiamo costruito un portfolio per servire i 4 assi di marketing fondamentali di un punto vendita horeca: bar, cantina, cucina e prodotti per la pulizia.

Quali servizi offre la tua azienda alle aziende di ospitalità?

Cerchiamo di dare loro tutto a livello di cura, servizio, formazione, miglioramento continuo… Fa parte dei nostri valori. L’unica cosa con cui siamo costretti a essere severi è con la raccolta.

– Lavorando così da vicino con l’ospitalità, come vede che questo tipo di azienda resiste alla crisi?

Ebbene, la maggior parte di loro ha registrato un calo di reddito per più di 5 anni consecutivi e non ne vedono la fine. Ciò si è aggiunto in molti casi a un servizio clienti e a un modello operativo obsoleti.

Abbiamo rilevato un cambiamento significativo nelle abitudini di consumo che sono migrate dall’esterno (horeca) a casa. Inoltre, il cliente visita il punto vendita con minore frequenza e in fasce orarie e giorni più precisi.

Il consumatore è diventato molto più esigente, guarda ai prezzi e alle offerte. Controllano molto la spesa e i secondi drink stanno scomparendo.

In questo contesto, si può affermare che il modello tradizionale della bareca è obsoleto; poi, gli stabilimenti che non hanno saputo differenziarsi in qualche modo si trovano condannati a una situazione molto complicata.

Questo modello di servizio al cliente, finché è durato il boom, potrebbe essere sostenuto; oggi non è così.

Il mercato si sta polarizzando in 2 estremi: tutti gli stabilimenti con un’offerta a basso costo e quelli che forniscono un valore aggiunto differenziale dal resto e che possono vendere a prezzi più alti.

D’altro canto, i costi fissi di stabilimento non sono diminuiti e rendono difficile la redditività delle imprese senza questa specializzazione.