Skip to content

Differenziati dalla concorrenza con le birre importate

Il settore dell’ospitalità in generale ha visto diminuire i propri ricavi a causa della crisi, ma uno dei settori che stenta a mantenere la propria redditività è quello dei Affare birra importata. Fino a qualche anno fa, cosa offrire birre importate non era molto comune nei bar.

Perché offrire birre importate nel tuo bar?

Sempre più bar scommettono sulle birre importate per differenziarsi in un mercato così competitivo.

Senza dubbio possiamo dire che la birra è di moda. Sta diventando sempre più comune organizzare degustazioni e abbinamenti di birra che offrano ai clienti esperienze gastronomiche che non si limitino solo alle birre prodotte nel paese, ma includano un’ampia varietà di birre del mondo.

Questa tipologia di prodotto si rivolge a tre tipologie di clientela:

  • Clienti stranieri di passaggio nel Paese, che hanno le loro preferenze. Quest’anno 2013 la Spagna è vicina al raggiungimento di un nuovo record turistico. Vengono da tutto il mondo, ma sappiamo che in particolare i nostri vicini europei inglesi, tedeschi e olandesi sono amanti della birra.
  • Clienti stranieri si stabilirono nel paese. Questi tipi di clienti vivono in una ricorrente nostalgia gastronomica per il cibo e le bevande dei loro paesi, essendo quindi potenziali clienti di birre importate.
  • Clienti nazionali con la passione per la birra. Un cliente può essere tentato di consumare birre importate per una questione di gusto, o semplicemente per soddisfare una curiosità o un bisogno di varietà.

Il mercato delle birre importate in Spagna

Nel 2012 le importazioni di birra sono aumentate del 24% rispetto al 2011. Secondo il rapporto socioeconomico sul settore della birra, nel 2012 sono stati importati 3,2 milioni di ettolitri di birra. Questa quantità di birra è stata importata principalmente da Francia, Germania e Paesi Bassi.

Altri paesi da cui vengono importate quantità significative di birra sono Messico, Belgio, Regno Unito, Portogallo, Irlanda, Danimarca, Repubblica Ceca e Romania.

Tenendo conto che l’83% delle birre importate proviene da Francia, Germania e Paesi Bassi, questo ti dà un’idea delle birre importate che puoi offrire nel tuo bar.

I marchi di birra importati più famosi

I marchi di birra importati più famosi

Le birre straniere più conosciute e vendute nel mondo provengono dalla Germania. Tuttavia, il fatto che una birra sia tra le più vendute al mondo non significa necessariamente che sia una delle migliori.

Tuttavia, il fatto che una birra abbia un posto nella lista delle più consumate è un motivo sufficiente per considerare di offrirla nel tuo bar. Alcune di queste birre sono:

  • Australian Max (Australia) per chi ama le birre forti
  • Krombacher (Germania)
  • Heineken Pilsner (Paesi Bassi)
  • Paulaner (Germania)
  • Franziskaner (Germania)
  • Stuttgater Hofbräu (Germania)
  • Dinkelacker (Germania)
  • Herbsthäuser (Germania)
  • Carlsberg (Danimarca)
  • Becks (Germania)
  • Pilsner Urquell (Repubblica Ceca)
  • Warsteiner (Germania)
  • Corona (Messico)
  • Bitburger (Germania)
  • Carling (Regno Unito)
  • Foster’s Lager (Australia)
  • Stella Artois (Belgio)
  • Asahi Super Dry (Giappone)
  • Tsingtao (Cina)

Questo elenco non ha la pretesa di essere esaustivo poiché nella sola Germania, considerata da molti la quintessenza dei produttori di birra, ci sono più di 1.300 birrifici.

Se la tua attività non è specificatamente un birrificio, una strategia per scoprire se hai un mercato per offrire birre importate è organizzare una degustazione di birra o una “giornata speciale della birra importata”, oltre a considerare i parametri sociodemografici dei tuoi clienti abituali.