Skip to content

L’industria lattiero-casearia affronta un futuro difficile

In tempi di crisi, tutti i settori sembrano avere difficoltà, ma il latte La Spagna sta affrontando da alcuni anni cambiamenti strutturali, alcuni positivi altri meno. Come oggi, aziende lattiero-casearie devono adeguarsi alla luce dell’imminente liberalizzazione del mercato prevista per il 2015.

Molti sembrano non essere molto positivi su questa situazione, perché ritengono che il settore lattiero-caseario non abbia la forza necessaria per affrontare questa liberalizzazione.

L’industria lattiero-casearia in Spagna

Attualmente, la Comunità Economica Europea limita la produzione di latte della Spagna ad una quantità di litri ben al di sotto della quantità necessaria per coprire la domanda, si stima che oltre il 30% del latte e latticini consumato nel paese viene importato da altri paesi.

Attualmente, questa domanda spagnola di latte e derivati ​​supera i 9 milioni di tonnellate all’anno, compresi i quasi 3 milioni di tonnellate importate da fornitori in Portogallo, Francia e Belgio.

Sebbene la teoria economica di base indichi che, poiché la domanda è maggiore dell’offerta, ciò farebbe pressione su un aumento dei prezzi per i fornitori, non è così. Infatti, a causa di situazioni esogene al mercato, il produttori di latte dalla Spagna ricevono prezzi molto più bassi rispetto ai produttori di altri paesi della zona.

Inoltre, ci sono due fattori che complicano anche la struttura dell’offerta di latte e quindi la situazione del settore:

  • La produzione di latte è stagionale, durante l’autunno e l’inverno è inferiore.
  • In Spagna la produzione è concentrata in una determinata area geografica, e questo riguarda sia la raccolta che la distribuzione del prodotto.

Nonostante vi siano più di 600 aziende del settore, più del 60% della raccolta totale del latte è concentrato in sole 12 aziende.

A livello industriale, abbiamo un impatto molto importante e sfavorevole sull’industria nazionale delle industrie lattiero-casearie francesi.

La penetrazione dei marchi privati ​​ha costretto i marchi commerciali a definire strategie di promozione e diversificazione dei prodotti abbastanza aggressive, ma che hanno comportato un notevole sforzo economico aggravato dall’aumento dei cereali e dei foraggi, e dal calo dei prezzi ricevono agricoltori, fanno sì che tutti questi fattori insieme rendono eccessivamente difficile la sostenibilità finanziaria degli agricoltori. distributori di latte nazionali.

A livello europeo questa crisi ha colpito anche altri Paesi, per questo sono state prese una serie di misure chiamate “pacchetto latticini” e si sta analizzando la possibilità di proseguire con il sistema delle quote, ma questa volta accompagnata da un serie di misure a vantaggio dei produttori.

Varietà e qualità dei latticini

In Spagna, consumo di latte Negli ultimi 50 anni è aumentato notevolmente, soprattutto perché all’epoca non c’era la possibilità di refrigerare il latte, e oggi il latticini si conservano per giorni, e anche per mesi se confezionati in UHT (tetrabrik).

Oggi esiste un’ampia varietà di prodotti appositamente progettati per determinati segmenti, come ad esempio:

  • Prodotti fortificati con determinate vitamine o componenti importanti dal punto di vista nutrizionale
  • Latticini speciali per la dieta
  • Prodotti speciali per bambini
  • Prodotti lattiero-caseari speciali per combattere le malattie (colesterolo, osteoporosi, ecc.)

Sebbene i leader del mercato del latte sono i marchi privati, tra i marchi commerciali spiccano il Central de Leche Asturiana e il Gruppo Pascual.

Negli ultimi anni la domanda è stata abbastanza stabile, con variazioni nelle linee di prodotto piuttosto che nel volume.

La specializzazione è fondamentalmente una strategia di marketing del fornitori di latte offrire alternative al consumatore finale, e quindi poter competere con prodotti di qualità adeguati alle esigenze come misura per far fronte alla concorrenza, soprattutto delle private label.

Nel 2009, le private label rappresentavano già oltre il 55% e, secondo uno studio sulla qualità dei prodotti dell’OCU, molte di queste private label presentano la stessa qualità, e anche migliore, di altri marchi commerciali.

Il principale canale di distribuzione sono i grandi supermercati e i marchi commerciali cercano sempre di rimanere nelle piccole imprese compiendo uno sforzo di distribuzione significativo.