Skip to content

Sapevi che molti preferiscono il caffè solubile?

Il caffè solubile o solubile È senza dubbio un’ottima soluzione per chi non ha una caffettiera o non ha tempo per preparare un caffè in modo tradizionale.

Generalità sul caffè solubile

Se torniamo alle origini di caffè solubile Sapremo che il primo brevetto per questo prodotto è stato registrato intorno al 1771 in Inghilterra, ma solo molto più tardi è stato sviluppato come lo conosciamo oggi.

All’inizio del XX secolo, uno scienziato giapponese di nome Satori Kato, riuscì in seguito a un lungo processo per brevettare un caffè solubile più stabile ma non ebbe fortuna a commercializzarlo finché molti anni dopo la società Nestlé acquistò quel brevetto.

Il motivo per cui Nestlé si è interessata al prodotto è stato perché i militari hanno iniziato a chiedere caffè solubile da consumare da chi si trovava in luoghi remoti o in situazioni avverse. Questo è stato l’inizio di caffè solubile che nei decenni successivi divenne popolare in tutto il mondo, ha ovviamente subito un processo di miglioramento sia nella qualità del prodotto che nella sua stessa preparazione. Uno dei principali miglioramenti si è verificato nel 1960 con l’uso del processo di liofilizzazione.

Caffè solubile o no?

A livello globale si stima che circa la metà dei consumatori di caffè preferisca il caffè solubileTuttavia, in Spagna questa percentuale è molto più bassa, non per questo poco importante.

Secondo i dati inseriti nel Food Report 2017 di Mercasa, si stima che nel corso del 2016 la caffè solubile Ha rappresentato il 18,3% del volume e il 21,8% del valore economico del mercato del caffè in Spagna.

Pertanto, non dobbiamo sottovalutare il caffè solubile poiché ci sono molte persone che lo preferiscono, alcuni perché ritengono che abbia un sapore più delicato rispetto al caffè tradizionale e molti altri per comodità.

Chi sono i principali consumatori di caffè solubile?

È molto probabile che ci sia una grande varietà tra i consumatori di caffè solubile, sia in termini di età che di altre condizioni sociodemografiche. Tuttavia, una cosa che è chiara è che è molto più popolare tra coloro che non hanno una lunga tradizione di caffè.

Cioè, se non sei stato un consumatore molto assiduo di caffè preparato in modo tradizionale, è più probabile che troverai nel caffè solubile un prodotto che ti piace e non sceglierlo solo perché ti è più comodo prepararlo.

Questo spiega perché alcuni paesi come la Cina e l’India, che non avevano una tradizione del caffè, sono diventati mercati che hanno accolto molto bene il caffè. caffè solubile.

Secondo i dati di Euromonitor International, in Europa si continua a privilegiare il caffè in grani, ma si accetta anche il caffè caffè solubile per bar e caffè

istantaneo o solubile. In Europa orientale si stima che circa il 50% del caffè scambiato sia caffè solubile, mentre nell’Europa occidentale questa percentuale si aggira intorno al 25%. Tra l’Europa dell’Est e l’Europa dell’Ovest si consuma circa il 40% del caffè solubile mondiale. In Spagna il marchio principale è Nescafé, ma ci sono diversi marchi che servono principalmente il canale HORECA oltre a private label per i grandi negozi.

Sono in molti a ritenere che la divulgazione del caffè in capsule abbia danneggiato il mercato del caffè istantaneo E può essere stato che nel boom iniziale come tanti consumatori domestici trovassero nelle macchine da caffè a capsule un modo semplice, veloce e pulito per preparare il caffè, ma col tempo molti sono tornati al caffè solubile o solubile.

Ovviamente il caffè solubile non ha lo stesso sapore e aroma di un caffè preparato con il caffè appena macinato, ma sono in tanti a preferire questo sapore diverso.