Skip to content

Tutto quello che vuoi sapere sull’olio

La gastronomia, qualunque sia il suo paese di origine, utilizza il olio, in alcuni casi più che in altri, ma è importante sapere che inizialmente il termine olio deriva da una parola araba che significa succo d’oliva. Questo non significa che l’unico tipo che esiste sul mercato per compagnie petrolifere sia oliva lontano da esso.

Oggi il termine olio viene applicato a molti liquidi grassi, sia per uso gastronomico che per altre applicazioni, che hanno diverse origini vegetali, animali e minerali.

Quali oli vengono utilizzati in cucina?

La Spagna è un grande produttore del meglio olio vegetale: il olio d’oliva, ma sono presenti una grande quantità di oli estratti da semi, radici e frutti. Ce ne sono di vergini e raffinati, e alcuni dei più noti sono:

Olio di semi di cotone: molto utilizzato nella cucina etnica, oltre che nella preparazione di salse, maionese e burro. È un olio chimicamente molto puro, ma non ha un gusto molto particolare, piuttosto neutro. Negli Stati Uniti è ampiamente utilizzato.14

Cocco e olio di palma: ad alto contenuto di grassi saturi, e per questo motivo è considerato meno salutare. Trova invece largo impiego nella produzione di pasticceria industriale, oltre che in alcune industrie che realizzano snack fritti.

Olio di colza: tristemente famoso in Spagna, per un problema che esisteva qualche decennio fa e che si diceva fosse stato causato da questo olio. È poco usato ed economico.

Olio di germe di grano: Dal punto di vista nutrizionale fornisce buone quantità di vitamine A ed E ed è composto da acidi grassi polinsaturi. La sua applicazione è più nota nella produzione di cosmetici che nel consumo in cucina.

Olio di semi di girasole: molto utilizzato nel settore dell’ospitalità, perché è un’alternativa di qualità, molto economica e viene utilizzata sia per le insalate che per l’utilizzo in altre preparazioni. Dal punto di vista nutrizionale, ha un buon livello di vitamina E e acido linoleico.

Olio di noci: poco conosciuto perché smette di essere in buono stato molto presto, va consumato crudo, senza alcun processo di raffinazione.

Olio di mais: Come l’olio di girasole, è ampiamente consumato, anche se non così tanto in Spagna. Uno dei suoi usi più comuni è la preparazione delle margarine.

Olio d’oliva: Questo è l’olio vegetale più puro ed è anche considerato il più salutare. Ha un sapore molto apprezzato in tutto il mondo. Inoltre, è stato dimostrato che il suo consumo è benefico per la salute sotto molti aspetti.

Altri oli vegetali meno conosciuti possono essere olio di sesamo e l’olio soiaÈ anche vero che sebbene il suo uso non sia molto diffuso, esistono anche alcuni animali di origine animale che possono essere utilizzati in cucina come l’olio di foca o di balena, oltre al mitico olio di fegato di merluzzo.

Sai quanto olio si consuma in Spagna?

I dati più recenti forniti dal Ministero dell’Ambiente e degli Affari rurali e marittimi sono del 2008, indicando che in Spagna il mercato del petrolio Copre una produzione totale di 899,2 milioni di litri che raggiungono un valore di oltre 2.066 milioni di euro.

Da questo dato si deduce che noi spagnoli consumiamo una media pro capite di 19,78 litri all’anno.

Ovviamente il re in questo mercato spagnolo è l’olio d’oliva con il 52%, che aggiunto al 32,4% dell’olio vergine di oliva, indica che più dell’84% del valore della produzione (più del 69 % dei litri totali) corrisponde a questo tipo di olio.

Uno dei più prodotti è l’olio di girasole con il 12,4% del valore totale della produzione di olio (che, essendo più economico, rappresenta il 26% dei litri totali consumati).

Ora, rivedendo rapporti più recenti, come quello pubblicato da Mercasa nel 2010, sembra che il oli di semi stanno guadagnando terreno all’olio d’oliva, molto probabilmente colpito dalla crisi economica.

Nonostante ciò, l’olio di oliva continua a predominare con il 53% dei litri totali, mentre l’olio di girasole raggiunge appena il 33%.